SU QUESTO BLOG NON SI PUBBLICANO COMMENTI ANONIMI

domenica 29 luglio 2012

RADICI: La storia locale fra valorizzazione e obbligo scolastico



La situazione complessivamente deleteria in cui versa il patrimonio storico-culturale – beni, reperti, tradizioni ataviche, paesaggi e quant'altro abbia a che fare con il concetto di “radici” – della provincia di Reggio Calabria, sia in termini di tutela che di fruizione, impone, con buona pace delle tante chiacchiere al vento puntualmente almanaccate dai “predicatori” di turno, una soluzione radicale e definitiva.
Nel corso degli ultimi decenni, gli enti preposti – amministrazioni regionali, provinciali o comunali, sovrintendenze – hanno alternato risoluzioni positive a direttive a dir poco scellerate. Le responsabilità oggettive della “sovrastruttura” non si discutono, senza tuttavia dimenticare le ben più gravi colpe che ricadono sui cittadini, spesso incapaci di supportare o controllare l'operato dei propri rappresentanti.
D'altronde, sono mancate – un po' ovunque in Italia, in verità – delle coerenti e durature strategie di valorizzazione dei beni culturali, anche perché raramente, dal punto di vista strettamente politico, investire sulla cultura si traduce in un cospicuo ed immediato “ritorno” in termini di propaganda. La realizzazione di un parco archeologico, per esempio, rispetto all'apertura di un'infrastruttura pubblica, anche se di dubbia utilità, esige una tempistica assai più dilatata e dà molte meno garanzie occupazionali, laddove la creazione di posti di lavoro rappresenta il fiore all'occhiello della perenne ricerca del consenso esercitata dai politicanti.
Al di là di queste ovvie riflessioni, raramente menzionate nel corso di convegni, seminari e conferenze dedicate all'argomento, è un fatto che la conoscenza delle radici storiche locali sia sconosciuta alla maggioranza della popolazione reggina. Tale colpevole lacuna non può purtroppo essere colmata da sporadici progetti, incontri tematici, pubblicazioni di libri o dalla sola attività – certamente febbrile e in gran parte volontaria e disinteressata – dell'associazionismo; questi sforzi, statistiche alla mano, rischiano di restare vani, poiché sistematicamente gli eventi culturali interessano neanche un decimo dei proseliti delle sagre, dei balletti o delle selezioni di qualche reality-show.
Ora, un popolo che non possiede la coscienza della propria identità, che magari considera il greco di Calabria il nome esotico di una rosticceria, come può impegnarsi, fattivamente e quotidianamente – magari semplicemente rispettando l'integrità di un reperto, evitando cioè di sfregiarlo con dichiarazioni d'amore disegnate o gettandovi rifiuti (anche organici) – sul terreno della conservazione, della tutela o della valorizzazione del proprio corpus storico-culturale? Le cosiddette “motte”, testimonianza materiale dell'eroica e secolare resistenza degli italo-greci alle scorrerie arabe, continueranno ad essere considerate, nella maggioranza dei casi, alla stregua di “vecchie pietre” e si vedranno altri cancelli elettrici addossarsi alle mura reggine di IV sec. a.C., già immuni ai terremoti, nonché agli assedi di Pirro o Annibale.
Occorrerà dunque conoscere prima ancora di valorizzare, pianificando obiettivi concreti, in grado di incidere sull'iter-formativo dei Reggini del futuro; delle direttive contestualizzate sul versante dell'istruzione pubblica e finalizzate alla formazione di una cittadinanza attiva e sensibile al richiamo delle proprie radici.
L'idea è quella di dedicare, obbligatoriamente, all'interno della didattica scolastica relativa a tutti gli istituti superiori del circuito provinciale, almeno il 10% del programma di storia, storia dell'arte e letteratura allo studio del plurimillenario patrimonio di memorie del territorio reggino. Ciò significherebbe, nell'ambito della storia greca parlare di Anassila, nell'ambito della letteratura citare Ibico o Licofrone, nell'ambito della storia dell'arte visitare la villa di Casignana. In fondo, al docente di turno basterebbe aprire delle appendici sul quadro “generale” degli argomenti imposti dal Ministero. E che non si dica che l'obbligo scolastico svilisce l'interesse dei temi trattati! Il fine non dovrà essere quello di sfornare intere classi di storici o archeologi, bensì istruire individui che sappiano sommariamente chi sia Leonzio Pilato, così come oggi tutti, nel complesso, sanno chi è Petrarca. L'attività di associazioni culturali, ricercatori ed enti preposti alla valorizzazione della storia locale, in questo senso, sarebbe ancor più preziosa e determinante nell'approfondire argomenti già noti, senza dover ogni volta ricominciare da zero.
Il risultato – fra un paio di decenni, è ovvio – sarà una generazione di cittadini finalmente consci di avere nel sangue oltre tremila anni di orgoglioso passato, consapevoli di calcare una terra di santi ed eroi, che così tante reminiscenze, materiali ed immateriali, ha lasciato ai posteri, nella spasmodica attesa di tornare a costituire il simulacro positivo dell'identità degli Uomini dello Stretto.

Natale Zappalà

domenica 15 luglio 2012

RADICI: Sul rilancio turistico del territorio reggino



Riportare i turisti sulle rive dello Stretto: questo il pretenzioso slogan alla luce del quale sono stati recentemente pianificati degli ambiziosi progetti volti ad incoraggiare l'avvento di un discreto flusso di visitatori, alla scoperta degli itinerari storici, archeologici, artistici o enogastronomici della provincia di Reggio Calabria.
Se l'iniziativa sulla carta è senza dubbio lodevole, de facto le strategie di divulgazione messe in atto dagli enti pubblici e/o privati preposti ci sembrano francamente improvvisate, talvolta sciatte, ma soprattutto poco rispettose di metodicità e sinergie di cui erano invece padroni i nostri antenati.
Il primo errore è quello di preferire il fattore logistico alla plurimillenaria organicità storica che caratterizza il territorio reggino. Un nutrito gruppo di turisti che si sposta in navetta da Reggio-città alla volta di Taureana di Palmi o di Seminara deve necessariamente essere a conoscenza della geografia storica delle zone che si accinge a visitare. In altri termini, se a Taureana sorge un parco archeologico, esso non è elencato all'interno della lista dei luoghi di interesse solo perché dista poche decine di chilometri da Reggio, ma perché Taureana risulta inserita sul versante settentrionale della chora reggina sin dalla protostoria, dalla mitologica venuta di Oreste alla foce dei sette fiumi alla edificazione del celebre santuario di San Fantino il Cavallaio. Allo stesso modo, Seminara, sede degli studi di intellettuali e sapienti del calibro di Barlaam e Leonzio Pilato, rappresenta il posto incantato in cui l'eredità italo-greca, dando sfogo alle inquiete ricerche di Petrarca e della sua cerchia di umanisti, inaugurò il Rinascimento e quindi il pensiero occidentale moderno.
I posteri hanno ormai dimenticato il concetto di «territorio cittadino» che identificava la mentalità dei nostri padri: l'antico viandante che guadava il Petrace si trovava – giuridicamente, beninteso – a Reggio. La consuetudine di identificare la città di riferimento con l'agglomerato urbano centrale è un'invenzione moderna. Fabula significat che dal Petrace alla Bovesia si estende uno spazio geografico coerente per lingua, cultura e tradizioni, che andrà considerato nella totalità e nella complessità della sua dimensione storica se davvero si intende valorizzarlo appieno.
Stesso dicasi per l'asty, l'antico centro urbano racchiuso dalle mura, oggigiorno equivalente all'area comunale di Reggio Calabria. Che senso ha condurre i turisti al Museo Nazionale della Magna Grecia o agli scavi di Piazza Italia, senza prima illustrare la fisionomia storico-urbanistica della polis?
Converrebbe dunque che le guide conoscessero l'ubicazione dell'acropoli del Trabocchetto, della Torre di Giulia o del tempio di Iside, della Punta Calamizzi o del Ninfeo di Caligola; che essi sapessero indicare, coinvolgendo emozionalmente l'uditorio, da dove venne precipitato dai Siracusani l'eroico Fitone o dove si trovava la Menza Porta, in modo da fissare indelebilmente nella memoria di chi si reca per la prima volta sulle rive dello Stretto il divenire storico dei luoghi, nonché la giustificazione razionale che evidenzia la sopravvivenza delle tante testimonianze plurimillenarie, materiali e immateriali, del passato di questa terra.
Esistono legami di lungo corso fra il reperto e il luogo di rinvenimento, fra la leggenda e il focolare intorno a cui è stata tramandata, dei rapporti inscindibili in grado di dominare il tempo, le ere e i grandi cambiamenti. La causalità, piuttosto che la casualità, di tutto ciò che di bello ed interessante oggi resiste a Reggio è una conquista ideologica da concretizzare, prima ancora di parlare di tours, itinerari, marketing, target e qualsivoglia strategia, di carattere politico o economico, che sia sradicata dalla nostra Storia.
Ovvio che per descrivere noi stessi sarà previamente opportuno conoscerci, sapere chi siamo, e non solo chi eravamo. Solo così, eliminando questa distinzione troppo netta fra passato e presente, colpevole di relegare la nostra vera identità nel limbo dei ricordi ancestrali, riusciremo finalmente a tracciare un'immagine veritiera di noi stessi e della nostra patria, da esportare orgogliosamente verso tutti coloro che ancora ci conoscono solo in parte, e mai in termini lusinghieri.

Natale Zappalà