SU QUESTO BLOG NON SI PUBBLICANO COMMENTI ANONIMI

mercoledì 29 settembre 2010

Reggio: l'Anassilaos ha celebrato l'anniversario della battaglia di Maratona

Si è svolta presso l'accogliente cornice della Saletta di San Giorgio al Corso, a Reggio Calabria, la commemorazione del 2500° anniversario della battaglia di Maratona, promossa dall'Associazione Culturale Anassilaos – Sezione Giovani.
Nel corso dell'incontro sono stati proiettati vari spezzoni di films e documentari incentrati sull'epico scontro che, nell'estate del 490 a.C., ha opposto gli Ateniesi di Milziade e Callimaco ai Persiani del Gran Re Dario, guidati da Dati ed Artaferne.
Il Dott. Stefano Iorfida, presidente dell'Anassilaos, ha analizzato vari argomenti correlati al conflitto, quali la vincente tattica oplitica impiegata dai Greci per mezzo della geniale manovra avvolgente, eseguita con disciplina dai fanti ellenici, e le strumentalizzazioni propagandistiche del combattimento in termini di dualismo fra Occidente ed Oriente, riprese nei secoli successivi dalla letteratura e soprattutto da recenti pellicole come “300” di Zack Snyder. L'intervento di Iorfida è stato accompagnato dalla lettura della più autorevole fonte storiografica su Maratona, il VI libro delle Storie di Erodoto.
La Prof.ssa Francesca Neri, docente di letteratura italiana, ha poi illustrato al numeroso ed attento pubblico presente l'influenza che la battaglia di Maratona continuò ad esercitare su poeti e scrittori di epoche posteriori, primo fra tutti Ugo Foscolo, il quale paragonò, nel carme I Sepolcri, gli italici illustri sepolti nella chiesa fiorentina di Santa Croce ai Greci caduti nella difesa della patria dai Persiani.
Il Dott. Natale Zappalà, storico antichista, ha infine evidenziato i parallelismi esistenti fra le vicende politiche e militari culminate nello scontro di Maratona e la conquista di Zancle realizzata da Anassila nello stesso 490 (o il terzo anno della 71ma Olimpiade, secondo il calendario ellenico). Il tiranno reggino rifonderà la città della sponda siceliota dello Stretto, chiamandola Messene in ricordo delle sue origini familiari (i suoi avi provenivano dalla Messenia del Peloponneso, una regione della Grecia continentale), assicurandosi l'ambito ed effettivo controllo del Basso Tirreno, anticipando così di circa duemilaecinquecento anni l'idea di Area Metropolitana.
L'Associazione Anassilaos farà dono di una speciale moneta commemorativa dell'evento, coniata in Grecia, a tutti coloro che sono intervenuti al convegno.

Stefania Guglielmo

Nessun commento:

Posta un commento