SU QUESTO BLOG NON SI PUBBLICANO COMMENTI ANONIMI

giovedì 18 giugno 2009

"La crapa e il Bagnaroto"

Riporto la trascrizione integrale, corredata dalla mia traduzione, di una divertente e breve favoletta da me appresa nel corso di una serie di interviste raccolte in merito ad un progetto di valorizzazione del corpus folkloristico locale. Ammetto, da reggino d.o.c. residente a Bagnara, che si tratta di una storiella che non manca nè di verità, nè di insegnamenti morali sulla nostra realtà.



Nu jornu u Signuri 'nci rregalau 'na crapa a nu bagnarotu chi rava u culu tuttu u jornu comi nu sceccu. N'atru bagnarotu chi non faciva nenti ra matina a sira accuminciau mi ciangi. Dopu 'na para i jornati chi u viriva lattariari, u Signuri iu mi trova o bagnarotu scuntentu e 'nci cercau:

- Pecchì ciangi? Amuri ca 'nci resi a crapa all'autru bagnarotu?'Ndi voi una puru tu?.
- No! N'a vogghiu!
- 'Ndi voi dui? Tri? Reci?
- Crapi non 'ndi vogghiu!
- E allura chi voi? Pecchì ti pili a sta manera?
- Mi pilu pecchì vogghiu mi 'nci cacci a crapa a cchiu.


(Un giorno il Signore regalò una capra ad un bagnarese che lavorava duramente tutto il giorno come una bestia da soma. Un altro bagnarese che trascorreva le sue giornate a guardare le mosche, vedendo il bel regalo che il Signore aveva fatto al suo concittadino, cominciò a piangere. Il Signore, avendo visto il bagnarese disperarsi per diversi giorni, decise di andare a trovarlo e gli chiese:
- Perchè piangi? E' a causa del dono che ho fatto al tuo compaesano? Vuoi una capra anche tu?
- No, non la voglio!
- Ne vuoi forse due? O tre? Ne vuoi forse dieci?
- Non voglio capre!
- E allora perchè ti disperi? Cosa vuoi?
- Piango perchè voglio che tu tolga la capra al mio compaesano.

1 commento:

  1. geniale...certo che questo detto o barzelletta fa pensare al consumo di pasta con la capra nel periodo pasquale... di chi sarà la capra che il bagnaroto si nutre in quel periodo?! :-)

    RispondiElimina