SU QUESTO BLOG NON SI PUBBLICANO COMMENTI ANONIMI

mercoledì 4 marzo 2009

Rhegion Calcidese

Ricostruzione della Polis di Rhegion così come doveva verosimilmente apparire nei secoli VI e V a.C. Sulla base dei recenti studi storici ed archeologici, le mura della città greca, prima della distruzione operata da Dionigi il Grande nel 387 a.C., non dovevano estendersi a meridione (verso il mare) oltre la via Possidonea. La zona dell'Acropoli era compresa fra le Colline degli Angeli e l'attuale Trabocchetto.L'area portuale era collocata presso la foce dell'Apsia-Calopinace, riparata dai venti grazie alla presenza del Promontorio Artemisio, meglio noto come Punta Calamizzi, sprofondato definitivamente nel 1563. Numerose erano le strutture templari attestate dalle fonti, Artemide, Apollo, Demetra, Zeus. Le aree destinate alla sepoltura erano situate oltre le mura, presso le principali arterie viarie.
video

Nessun commento:

Posta un commento